‘The Dangerous Book for Boys’ (’Il libro pericoloso per i bambini maschi’)

the dangerous book.jpgIl segreto di questo nuovo fenomeno editoriale, targato UK, è la nostalgia. Il valore sociale, invece, potrebbe andare ben oltre i confini di qualche piacevole ricordo dell’infanzia e - risvegliando nei genitori il piacere dei giochi all’aria aperta – “rischia? di far scoprire alle nuove generazioni quanto è bello giocare fuori casa.

Di cosa parla? Di fionde, catapulte e case sugli alberi. Parla di giochi all’aria aperta, di scoperte eccitanti, di pirati, dinosauri e luoghi segreti da scoprire.

Ma cos’è? Un libro per insegnare ai bambini a giocare? Sarebbe scandaloso!

 “Vendiamo a persone con la carta di credito, quindi non ai bambini? ha dichiarato Kes Nielsen di Amazon. Così lo comprano gli adulti, siano essi genitori o zii o anche single che, insieme alle pagine stampate, si riappropriano di una parte della loro infanzia, quella davvero spensierata, quando il tempo non era scandito dai minuti che corrono inesorabili. Quando le giornate iniziavano senza pianificazione e terminavano con un immenso bagaglio di esperienze e qualche ginocchio sbucciato.

30-40 anni fa, quando TV, Play station e computer non avevano ancora colonizzato le nostre abitazioni, e le automobili non avevano rotto gli argini delle strade, c’era ancora qualche angolo nascosto da scoprire nelle città e nei piccoli centri della vecchia Europa.

Per gli autori, i fratelli Conn e Hal Iggulden, il libro e’ stato un modo per celebrare la loro infanzia e ricordare a grandi e piccini come l’avventura ed un po’ di rischio siano una parte integrante della crescita. ‘Speriamo che serva a distogliere dai loro computer questi bambini di 10 anni dal viso pallido. Tutto e’ proibito al giorno d’oggi, ma e’ bene ricordare che il posto piu’ sicuro al mondo e’ una gabbia. Quando sei bambino, il pericolo e’ emozionante. Questo libro sara’ un punto di riferimento per me e mio figlio Cameron che ha cinque anni. Speriamo che le attivita’ all’aperto ed i giochi tradizionali tornino in auge?, ha detto Conn Iggulden al Times. 

Ma le gabbie di cui parla l’autore del libro sembrano avere – nel nostro Paese - sbarre mentali più che limitazioni fisiche. E’ vero che le città e i piccoli centri soffrono di mancanza di spazi per i più giovani. Ma, anche li dove questi spazi ci sono, la paura diventa il limite insuperabile della libertà di movimento dei ragazzi. E la paura è generata da fatti e misfatti raccontati e amplificati con ossessione dalla TV e dai giornali. 

“Perdere di vista un bambino?  oramai vuol dire rischiare di perderlo perché qualcuno lo ruba e lo porta via. Rilassarsi all’aria aperta, magari durante un pic-nic, e lasciare che i propri figli vadano alla scoperta dei segreti della natura diventa inevitabilmente il triste ricordo di una fatto di cronaca nera che ha come vittima una bambina di pochi anni.

La società è pericolosa. La gente è nemica. I cespugli sono “il luogo del delitto?. Un sorriso è un’arma di adescamento.

Ben venga un libro che ricorda a chi non è più bambino quanto era piacevole l’infanzia. Dice Margaret Morrissey, della federazione britannica delle associazioni di genitori e insegnanti:?C’e’ molta pressione sui bambini affinche’ diventino presto adulti e sofisticati. Non riescono piu’ a scoprire da soli le cose. Tutto viene dato loro su un piatto d’argento. Ma la felicita’ dell’infanzia sta nello scoprire da soli le cose?.

A questo punto potrei invitarti a partecipare ad un dibattito on line sul tema. Oppure potrei invitarti a scrivere su un blog le tue esperienze.

Ti invito, invece, a spegnere questo computer, buttare il telecomando TV dalla finestra, fare 5 respiri profondi e scoprire quanto è bello sentirsi liberi!

Sara Musa

1 Commento a “‘The Dangerous Book for Boys’ (’Il libro pericoloso per i bambini maschi’)”

  1. Davide scrive:

    volevo sapere se qualcuno sa se “The dangerous book for boys” (Il libro pericoloso per i ragazzi) è stato tradotto in italiano.

    Grazie

Scrivi un commento

Per inviare un commento devi fare il loggin.

 
Archivi - 11/2018, 11/2017, 10/2017, 09/2017, 06/2017, 01/2017, 11/2016, 08/2016, 06/2016, 05/2016, 03/2016, 02/2016, 01/2016, 12/2015, 11/2015, 10/2015, 08/2015, 06/2015, 05/2015, 04/2015, 03/2015, 02/2015, 01/2015, 12/2014, 11/2014, 10/2014, 09/2014, 07/2014, 06/2014, 05/2014, 04/2014, 03/2014, 02/2014, 01/2014, 12/2013, 11/2013, 10/2013, 08/2013, 06/2013, 05/2013, 04/2013, 03/2013, 02/2013, 01/2013, 12/2012, 11/2012, 09/2012, 08/2012, 07/2012, 06/2012, 05/2012, 04/2012, 03/2012, 02/2012, 01/2012, 12/2011, 11/2011, 10/2011, 09/2011, 08/2011, 05/2011, 04/2011, 03/2011, 02/2011, 01/2011, 12/2010, 11/2010, 10/2010, 09/2010, 08/2010, 07/2010, 06/2010, 05/2010, 04/2010, 03/2010, 02/2010, 01/2010, 12/2009, 11/2009, 10/2009, 09/2009, 08/2009, 07/2009, 06/2009, 05/2009, 04/2009, 03/2009, 02/2009, 01/2009, 12/2008, 11/2008, 10/2008, 09/2008, 08/2008, 07/2008, 06/2008, 05/2008, 04/2008, 03/2008, 02/2008, 01/2008, 12/2007, 11/2007, 10/2007, 09/2007, 08/2007, 07/2007, 06/2007, 05/2007, 04/2007, 03/2007, 02/2007, 01/2007, 12/2006, 11/2006, 10/2006, 09/2006, 08/2006, 07/2006, 06/2006, 05/2006, 04/2006, 03/2006, 02/2006, 10/1999, 09/1999, 04/1999, 03/1999, 12/1998, 11/1998, 10/1998, 07/1998, 01/1998, 11/1993, 12/1992,
Aut.246/98 del 1/6/98 del Tribunale Civile di Roma - Marchio registrato

Direttore responsabile: Sara Musa


Giacomino Blog powered by Coded and Designed by
Animali Biblioteche Cinema Diritto Esperto Informazione Libri Mamme Medicina Mostre Musica Pagina Verde Parchi Scuola Sport Tempo Libero Teatro Televisione Vacanze WWF